Scopri Brescia in quattro piazze

Il centro storico di Brescia è ricco di testimonianze di numerose epoche: la visita al cuore della città attraverso quattro delle principali piazze consente di abbracciare oltre duemila anni di storia ed è l’ideale per una prima visita.

 

Piazza del Foro

Brixia, la Brescia romana, aveva in questo luogo il suo centro dal quale dipartivano i cardi e decumani stradali. La piazza del Foro, posta ai piedi del colle CIdneo, era delimitata a nord dal monumentale complesso del Capitolium ed a sud da quello della basilica.

L’area del Tempio Capitolino, assieme al limitrofo teatro, secondo per dimensioni nel nord Italia dopo quello di Verona, sono stati dichiarati nel 2011 parte del sito UNESCO: Longobardi in Italia: i luoghi del potere (568-774).

 

Piazza Duomo

La piazza del Duomo, o piazza papa Paolo VI, è caratterizzata da tre edifici monumentali: il Broletto, il Duomo nuovo e il Duomo vecchio.

Il Broletto era l’antica sede del comune medievale di Brescia. affiancato dall’altissima Torre del Pegòl, fu centro dell’amministrazione cittadina. All’inizio del Quattrocento venne trasformato in palazzo signorile da Pandolfo Malatesta, per poi tornare ad ospitare le magistrature locali in età veneta.

Il bianchissimo Duomo nuovo, detto anche cattedrale estiva, fu eretto tra il 1604 ed il 1825 sopra l’antica basilica paleocristiana di San Pietro del Dom. Costruito in stile barocco-neoclassico, la sua cupola, terza in Italia per dimensioni, venne eretta solo nel 1825 da Rodolfo Vantini.

La cattedrale invernale, o Duomo vecchio, mantiene ancora il suo stile romanico, e rappresenta una delle più importanti chiese rotonde d’Italia. Al suo interno si conserva la cripta di San Filastrio del VII secolo ed il tesoro delle Sante Croci. L’antica facciata era invece provvista di un campanile, crollato nel 1708.

 

Piazza Loggia

Cuore del rinascimento cittadino, piazza Loggia venne edificata a partire dalla prima metà del Quattrocento. Qui sono presenti i Monti di Pietà, vecchio e nuovo, che fungevano da antichi istituti di credito e che oggi rappresentano il più antico museo lapidario d’Italia.

Il lato occidentale della piazza è occupato dal Palazzo Loggia, dove si riunivano i consiglieri cittadini: massimo esempio di architettura rinascimentale-manieristica, viene coperto da una cupola carenata solamente nel 1914.

Il lato opposto di piazza Loggia vede la presenza dei portici e dell’orologio, coronato dai due automi sulla sommità della torretta. In questo luogo il 28 maggio 1974 esplose una bomba durante una manifestazione.

 

Piazza della Vittoria

Dedicata alla vittoria nella prima Guerra Mondiale, questa piazza venne costruita attorno al 1932 dall’architetto Marcello Piacentini demolendo l’antico quartiere delle Pescherie.

Nata con l’obiettivo di divenire nuovo centro città, qui trovarono spazio edifici amministrativi, poste, assicurazioni ed il primo grattacelo (“edificio multipiano”) costruito in Italia. La piazza era al tempo decorata dall’arengario per i discorsi pubblici e dalla monumentale statua “Era fascista”, più conosciuta come “Bigio”.

 

  • Ticket: no
  • Giorno di chiusura: percorso in esterno
  • Tempo di visita: mezza giornata (fino a 3 h)
  • Percorso: pavimentato cittadino